albo pretorio online            Amm.ne Trasp.te                  regolamenti17062016  

Sei qui: Home

La Città di Mirabella Eclano

 

 

Adagiata sul crinale di una collina che le conferisce una gradevole condizione climatica, la città di Mirabella Eclano, insieme alle frazioni CalorePianopantano e Passo, si estende fino al fiume Calore che funge da limite nella direzione verso Avellino, mentre ad est guarda alla provincia pugliese.

Le vicende storiche hanno fortemente condizionato l’esistenza, prima di Aeclanum poi di Quintodecimo, sulla Via Appia, tanto da deciderne il trasferimento in un luogo più sicuro e difendibile, più arretrato rispetto alle vie di comunicazione, e dunque una nuova fondazione dal nome Acquaputida.

Tutto ciò avvenne durante le lotte tra Papato e Normanni che nel 1130 vi costruirono anche un castello (oggi inesistente): il periodo normanno riprese la felice congiuntura commerciale e culturale che da sempre aveva caratterizzato il centro irpino. La Città in seguito fu retta da diversi Signori, l’ultimo dei quali fu Filippo Orsini di Gravina.

Risale all’età angioina il mutamento della denominazione da Acquaputida a Mirabella, mentre l’appellativo “Eclano” fu aggiunto nel 1862 per volere del re Vittorio Emanuele II.

Lo stemma della Città, adottato a partire dal 1873, racconta per segni quella che è stata la storia di Mirabella Eclano: l’araba fenice rinasce dalle fiamme di tre ruderi che simboleggiano Aeclanum, Quintodecimo e Acquaputida e volge lo sguardo a sinistra dove è posto un sole splendente.

Più volte colpita da eventi funesti –non da ultimo il terremoto del 1980 che ha causato lutti e distruzione – Mirabella ha sempre trovato la forza di ricominciare ed anche oggi vive il presente guardando al futuro con riacquistato spirito di rinnovamento sociale e culturale. 

Il patrimonio artistico della Città è ricco ed interessante: i palazzi monumentali CappuccioPentaSorrentinoCianide Bellis e Angrisani sono esempi di edilizia civile concepita con stile ed originalità, le Chiese testimoniano dell'importanza del centro irpino già in tempi remoti, mentre il Parco Archelogico di Aeclanum è il luogo dove le pietre ne raccontano la storia più antica. Mirabella Eclano è conosciuta anche per la festa del Carro che si svolge ogni anno nel mese di settembre, evento folkloristico atteso e vissuto con forte emozione da tutta la comunità.

 

Come raggiungere Mirabella Eclano

  • Chi proviene da Napoli imbocca l’autostrada A16 Napoli-Bari, esce al casello di Benevento, quindi si immette sulla S.S. 90 (direzione Foggia) e dopo 7 Km raggiunge Mirabella Eclano.
  • Chi proviene da Bari, percorre l’autostrada A16, uscendo al casello di Grottaminarda, si immette poi sulla S.S. 90 (direzione Avellino) e raggiunge Mirabella Eclano.
  • Chi proviene dall’autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria esce a Contursi, prosegue lungo la fondovalle Sele fino a Lioni, quindi fino a Mirabella Eclano percorrendo circa 35 Km.

Info

via Municipio 1 - 83036 Mirabella Eclano (Av)
Centralino: 0825 438077
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Partita Iva: 01525210645 - C.F. 81002070647

Bussola

La bussola della trasparenza consente alle pubbliche amministrazioni e ai cittadini di utilizzare strumenti per l'analisi ed il monitoraggio dei siti web. 

Privacy 

Note Legali

Territorio

  • Superficie: 34 Kmq
  • Altezza: 371
  • Densità per Kmq: 243,9
  • Totale maschi: 3757
  • Totale femmine: 3867
  • Numero abitanti: 7624
  • * dati aggiornati al 31 gennaio 2017
Vai all'inizio della pagina

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Proseguendo la navigazione del sito o cliccando su `Accetto` acconsenti all`uso dei cookie.